Il primo semestre 2020 non ha portato solo il Coronavirus, il traffico merci ferroviario tra Europa e Cina è cresciuto del 65% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Secondo la United Transport and Logistics Company – Eurasian Rail Alliance (UTLC ERA), il traffico di container tra Cina ed Europa, a maggio, ha registrato un record assoluto.

La joint venture delle ferrovie bielorussa, kazaka e russa ha dichiarato infatti di avere trasportato 52,5 mila TEU (circa 2 milioni di metri cubi): “il doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, un record di volume assoluto nel traffico mensile di container eurasiatico”.

La Nuova Via della Seta non si ferma

Insomma, lungo la nuova Via della Seta non sembra esserci sentore di quella crisi economica spaventosa che pende sui Paesi europei e su quasi tutti i nostri settori produttivi.

Il traino? Ovviamente l’e-commerce. Le ricadute? Un’accelerazione dello sviluppo della logistica dell’ultimo miglio, praterie sconfinate di servizi per l’Express Courier che lasciano immaginare, di conseguenza, vendite record di veicoli commerciali.

I numeri UTLC ERA di giugno

Secondo i dati impressionanti pubblicati da UTLC ERA, in Europa, a giugno, la spedizione in Cina di container carichi è raddoppiata rispetto allo stesso mese dell’anno scorso (15mila TEU).

Dalla Cina, invece, sono partiti 34mila TEU di container carichi superando i valori dell’anno scorso di 2,2 volte.

Il primo semestre 2020: +65%

Nei primi sei mesi del 2020, in piena pandemia globale, il volume totale del traffico trasportato da UTLC ERA tra Cina ed Europa è stato complessivamente di 223mila TEU, con un aumento del 65% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

“Il superamento dei 50mila TEU al mese nel traffico eurasiatico di container è un traguardo importante per il quale ci siamo impegnati a lungo” commenta Alexey Grom, CEO di UTLC ERA.

Il volume di traffico di 49 mila TEU era stato segnalato già a maggio e, nonostante la difficile situazione di giugno, l’impegno e la stretta collaborazione con partner e clienti ci hanno aiutato a raggiungere l’obiettivo.”

La flotta UTLC ERA

Grom ha spiegato anche che gli sforzi congiunti degli azionisti hanno consentito di mantenere alta l’efficienza dei trasporti, riducendo al minimo i ritardi tecnologici lungo l’intera tratta. “Abbiamo oltre 100 treni in funzione ogni giorno e la flotta gestita da UTLC ERA arriva ormai a quasi 7mila vagoni ferroviari“.

Mappa UTLC ERA

Dall’inizio del 2020, inoltre, sono state aggiunte al corridoio ferroviario cinque nuove destinazioni europee: Burghausen, Ludwigshafen e Sassnitz in Germania, Vilnius in Lituania e Gliwice in Polonia.

In Cina, è stata aggiunta la città di Shilong, nella provincia del Guangdong, nel sud-est della Cina, tradizionalmente impegnata nel trasporto marittimo. Ciò dimostra anche la vocazione intermodale della logistica cinese.

Cosa c’è dentro i container?

La domanda sorge spontanea e la risposta di Grom è chiara e semplice: “Stiamo ricevendo sempre più richieste per il trasporto di prodotti e-commerce tra cui vestiti, giocattoli, elettronica ed elettrodomestici.

Abbiamo anche un “corridoio verde” senza sosta per la spedizione di dispositivi di protezione dalle epidemie oggi molto richiesto dai Paesi dell’UE.

Le nostre relazioni con Universal Postal Union hanno preso una svolta molto favorevole e ora stiamo costruendo un programma a lungo termine per la cooperazione strategica e lo sviluppo.”

Insomma, tremate gente.

TOP NEWS SU laLOGISTICA.blog

Interessante? Condividi!

Lascia un commento