Secondo l’Ovale Blu, già entro un paio d’anni le vendite di veicoli ibridi elettrificati supereranno quelle dei benzina e Diesel.

Durante l’ultimo Salone di Francoforte 2019, Ford ha confermato il proprio impegno per un futuro elettrificato, anche perché secondo le sue previsioni entro il 2022, in Europa, le vendite di veicoli ibridi elettrificati supereranno quelle delle motorizzazioni convenzionali, benzina e Diesel.

Del resto, anche un recente rapporto di Bloomberg NEF (Electric Vehicle Outlook 2019) confermava che tra il 2020 e il 2030 raggiungeremo la parità di costo tra veicoli ad alimentazione elettrica e quelli con motore termico e nel 2040 più della metà dei mezzi in circolazione sarà “alla spina”.

Riguardo ai veicoli commerciali leggeri, poi, pare che tra vent’anni il 56% delle vendite riguarderà le emissioni zero e il 31% dei furgoni medi circolanti in Cina, Usa ed Europa sarà full electric.

Per prepararsi a questo scenario, l’Ovale Blu, all’inizio dell’anno, aveva annunciato che ogni nuovo veicolo lanciato dopo la Focus, dalla Fiesta al Transit, avrebbe avuto almeno una versione Mild-Hybrid, Hybrid, Plug-In Hybrid o Full Electric. Un totale di 17 modelli per l’Europa entro il 2024, di cui 8 già nel corso del 2019.

Ford e Volkswagen sull’elettrificazione

Un bell’impegno, ma non dimentichiamo che sui veicoli commerciali, c’è anche un patto di collaborazione con Volkswagen “per migliorare i rispettivi punti di forza nei settori van e pick-up medi” (per cui è attesa una crescita della domanda nei prossimi 5 anni) e, quindi, per la realizzazione comune di prodotti specifici. 

Non è da escludere quindi una collaborazione sull’elettrico, anche Volkswagen infatti ha un piano ambizioso sul tema: il lancio di 70 modelli full electric entro i prossimi 10 anni (tra i furgoni l’eCrafter è già in commercio).

Nell’immediato però, cioè nel 2022, la collaborazione si tradurrà nel lancio in Europa, Africa, Medio Oriente, Asia Pacifico e Sud America di un pick-up medio, progettato e costruito da Ford per entrambi i brand. Sempre a partire dal 2022, sempre in Europa, sempre per entrambi i marchi, l’Ovale Blu intende anche ingegnerizzare e produrre furgoni più grandi, mentre Volkswagen svilupperà e produrrà un city van. Insomma, vedremo.

I van ibridi elettrificati Ford 

Intanto, sull’elettrificazione delle gamme, con il Transit Custom Plug-In Hybrid, Ford è il primo brand a fornire la tecnologia ibrida Plug-In nel segmento dei veicoli commerciali da 1 tonnellata, su cui promette anche l’assenza di ansia da ricarica: fino a 56 km (New European Driving Cycle – NEDC) di guida a zero emissioni e fino a 500 km usando come estensore il motore benzina EcoBoost 1.0 (Miglior Motore dell’Anno nella categoria riservata ai propulsori di cilindrata inferiore ai 150CV all’International Engine and Powertrain of the Year 2019). Può già essere ordinato e le prime consegne inizieranno entro la fine dell’anno, il Tourneo Custom Plug-In Hybrid, people mover da 8 posti, invece, potrà essere ordinato a fine 2019. Nel 2021, nella gamma dei veicoli commerciali elettrificati Ford arriverà anche un nuovo Transit tutto elettrico.

Non solo veicoli ibridi elettrificati, anche rete e servizi

Lo sviluppo del trasporto a zero emissioni, in realtà, è fortemente legato, condizionato e frenato da quello dell’infrastruttura di ricarica che, però, ormai, si sta velocemente diffondendo, spesso grazie al contributo delle stesse case automobilistiche.

A questo proposito, la Casa americana collaborerà con sei dei principali fornitori di energia europei per l’installazione di wall box di ricarica domestica e per ottenere tariffe più vantaggiose per proprietari di veicoli elettrici. Le wall box Ford, inoltre, forniranno fino al 50% in più di potenza di ricarica rispetto a una normale presa domestica, così da ridurre i tempi di rifornimento fino a un terzo.

Riguardo alle infrastrutture pubbliche, invece, è in corso una collaborazione con NewMotion, per garantire ai clienti Ford l’accesso a una delle più grandi reti di ricarica, con ampia copertura in tutta Europa: oltre 118 mila punti in 30 Paesi.

Accesso, ma anche possibilità di pagamento semplificata attraverso una nuova app per smartphone e tablet, tutto in combinazione con il modem di bordo FordPass Connect e l’app mobile FordPass che consente di monitorare a distanza lo stato di carica del veicolo.

Per il futuro, Ford è anche membro fondatore della partnership IONITY che, entro il 2020, mira a costruire in Europa altre 400 stazioni di ricarica con una capacità da 350 kW.

E le altre case? La corsa all’elettrificazione

A ulteriore conferma del trend di crescita dell’elettrificazione, ci sono anche i movimenti di un po’ tutte le altre Case automobilistiche che stanno introducendo versioni a zero emissioni o quasi, su tutte le gamme, compresi i veicoli commerciali.

Toyota Professional, ad esempio, prevede il lancio di due furgoni elettrici, ProAce e ProAce City, tra il 2020 e il 2021. A Lione, Renault quest’anno ha presentato la gamma Z.E. con Master Z.E. ma anche con D Wide Z.E., un camion da 26 tonnellate 100% elettrico, mentre qualche mese fa ha avviato le sperimentazioni del city van Ez-Flex.

Al Salone di Birmingham, PSA ha presentato in anteprima le versioni elettriche di Peugeot Boxer e Citroën Jumper con l’obbiettivo di offrire il 100% delle sue gamme con una versione elettrificata (piano push to pass). Opel Vivaro elettrico è atteso nel 2020. Mercedes-Benz introdurrà 10 modelli a batteria entro il 2025, ma l’eVito e l’eSprinter hanno già debuttato un anno fa.

Pubblicato su Trasporto Commerciale Magazine, ottobre 2019.

Interessante? Condividi!

Lascia un commento