BAUMA CHINA si terrà dal 24 al 27 novembre 2020 a Shanghai.

L’Ente Fiera conferma: la decima edizione cinese del Bauma, salone internazionale per macchine edilizia, cava cantiere e movimento terra, si svolgerà come previsto dal 24 al 27 novembre prossimi, presso il nuovo centro di esposizioni internazionale International Expo Center (SNIEC) di Shanghai.

Secondo il comunicato degli organizzatori (Messe München), sono attesi oltre 3mila espositori e “l’economia cinese si sta riprendendo dagli arresti del coronavirus”. A sostegno dell’affermazione, si cita il fatto che la Cina ha messo in campo una serie di misure di stimolo all’economia e gli investimenti nelle infrastrutture dovrebbero aumentare del 10%.

Grazie a ciò, si stima che quest’anno il tasso di crescita dell’industria Construction raggiungerà il 10%, cifre pubblicate dalla Shanghai Securities Co., Ltd.

Le misure di sicurezza anti-Covid19

Ovviamente, visto il periodo, la salute e la sicurezza di espositori, visitatori e partner del Bauma China avranno la massima priorità. Durante la manifestazione, verranno seguite rigorosamente le “linee guida per la prevenzione e il controllo dell’epidemia nell’organizzazione di eventi” fissate dall’Assessorato al Commercio del comune di Shanghai e dalla Shanghai Convention & Exhibition Industries Association.

Queste misure di prevenzione e controllo saranno ulteriormente implementate per garantire la sicurezza nell’area espositiva di 300mila metri quadrati (200 al coperto), come ad esempio, la presenza di servizi medici specializzati, o come la possibilità di accreditarsi completamente online, senza passare dai botteghini.

Gli espositori internazionali

Al momento, i paesi che hanno confermato i padiglioni sono: Germania, Italia, Spagna, Regno Unito, Turchia e Corea del Sud, ci sarà anche un padiglione europeo in generale.

Tra le oltre tremila aziende attese, quelle che hanno già presentato la domanda, comunque, sono 6: Bosch Rexroth, China Railway, Lingong Group, Sany, Volvo e ZF Friedrichshafen.

Bauma China 2018

La Fiera cinese si tiene ogni due anni, nel 2018 ha fatto contare 212mila visitatori, con un incremento del 25% rispetto al 2016. Il 94% del pubblico proveniva dall’Asia, soprattutto da Cina, Corea, Russia, India, Malesia, Giappone, Taiwan, Tailandia, Indonesia e Singapore.

Gli espositori sono stati 3.350, provenienti da 38 Paesi: il 13% in più dell’edizione precedente.

Chissà se questa edizione 2020 confermerà questi numeri, certo: immaginare un evento con oltre 200mila persone in Cina fa un po’ paura, inutile negarlo.

Interessante? Condividi!

Lascia un commento